Danneggiamenti del conio

I danneggiamenti del conio si generano a causa dell’interposizione di un corpo estraneo tra il conio e il tondello al momento della coniazione.
A titolo esemplificativo, quando un frammento di materiale solido si insinua nella camera di battitura mentre la pressa monetaria è in funzione, il corpo estraneo può causare un graffio o ammaccatura del conio. Quando questo avviene, il conio riporterà in incuso la forma del corpo estraneo che lo ha danneggiato. Nel caso in cui l’addetto non individua il conio danneggiato e di conseguenza non provvede a sostituirlo, la pressa monetaria continuerà a coniare monete con i segni in rilievo della stessa forma del corpo estraneo che ha causato il suddetto danneggiamento.

I graffi e le ammaccature si differenziano dalle fratture o le rotture del conio perché vengono generati da un corpo estraneo, mentre le fratture e le rotture si generano da un processo d’usura del conio.
I graffi o le ammaccature hanno una forma ben definita, mentre le fratture e le rotture del conio hanno una forma più irregolare.

In entrambi i casi si può riscontrare una “progressione” dell’errore.
Infine, la frattura o la rottura del conio si trova quasi sempre a contatto con un elemento dell’impronta della moneta, mentre i graffi o le ammaccature possono essere ovunque.

danneggiamenti del conio

(E.C.47) 5 Lire 1969 R Delfino - Repubblica Italiana
R/ Barra obliqua in rilievo a cavallo del secondo numero 9 della data. Collezione Sena Coins.

danneggiamenti del conio

(E.C.48) 50 Lire 1991 R Vulcano II tipo - Repubblica Italiana
R/ Barra obliqua in rilievo sotto la data.

La moneta E.C.48 , insieme ad altri 40 esemplari circa, l’ho trovata scartando un grande lotto di rotolini da 50 Lire Vulcano II tipo.
Tutte le monete esaminate presentano questa particolarità. Al confronto, lo spessore e la lunghezza della barra obliqua risultano congruenti. La forma si presenta quindi sempre la stessa e posizionata esattamente nello stesso punto della moneta. Altre monete presentano tali danneggiamenti del conio, come ad esempio la famosa 100 Lire 1972/ barra obliqua dopo la data. Questa “forma in rilievo” non va assolutamente confusa con altri difetti simili causati da conî incrinati nell’area dell’esergo.

Pertanto, approfondiamo le differenze in questa categoria, in modo tale da chiarire in maniera definitiva tutti i dubbi a riguardo, portando di nuovo all’attenzione l’esergo delle 100 Lire I tipo.
Esaminiamo un’insolita 100 lire 1958/ barra obliqua dopo la data, attualmente presente nella mia collezione (E.C.49). Al contrario della 100 Lire 1972/, la 100 Lire 1958/ manca in tutti i testi che vengono acquistati e consultati dai collezionisti. Quest’ultima è stata coniata molti anni prima e quindi doveva essere scoperta prima della 100 Lire 1972/, però la storia non è andata proprio così.

danneggiamento del conio3

(E.C.49) 100 Lire 1958 R Minerva I tipo - Repubblica Italiana
R/ Barra obliqua in rilievo dopo la data. Collezione Sena Coins.

Di seguito riporto alcune monete che possono essere confuse per delle 100 Lire Minerva con barra obliqua dopo la data. Si tratta palesemente di fratture del conio semplici che partono dal bordo a ore 5.00 dopo la data, attraversano il suolo e si prolungano fino alla veste di Minerva in tutti i casi illustrati.

danneggiamento del conio3

Utilizza la parola chiave danneggiamenti del conio nel motore di ricerca globale per visualizzare tutte le monete che presentano questo tipo di errore. Accedi o Registrati per inserire nuove monete nel motore di ricerca e conoscere i prezzi e la rarità di tutte le monete presenti nella nostra banca dati. Il servizio è totalmente gratuito.
Per info, stime e perizie visita Senacoins.com